Titolo

Dimensioni font: A- A+

Home > Documentazione > Notiziario Distrettuale > Dai nostri Club > Al ‘Verdi’ di Pisa spettacolo di danza per ricordare Lorenzo Malacarne e Sara Cicciotto

Scarica l'articolo in PDF

Al ‘Verdi’ di Pisa spettacolo di danza per ricordare Lorenzo Malacarne e Sara Cicciotto

Il Rc Cascina in aiuto di una bambina affetta da artrogriposi

“In equilibrio sopra la follia” è il titolo dello spettacolo della scuola Studio Danza che è andato in scena giovedì 6 luglio al Teatro Verdi di Pisa,  con la collaborazione del Rotary Club di Cascina, con il patrocinio del Comune di Pisa e la partecipazione e il contributo dell’attore e regista Renato Raimo. Alla realizzazione della serata hanno contribuito il gruppo musicale Borderò, e il Liceo Artistico “Russoli” di Pisa, oltre ai vari sponsor della manifestazione (Rotary Club Cascina, Edilcomes, Banca di Pisa e Fornacette, Associazione La Nostra Pisa e il Centro Studi umanistici Abbazia San savino e 46°Aereobrigata ).

Gli allievi della scuola diretti dall’insegnante nonché direttrice artistica Annalisa Ciuti, accompagnati dalle musiche del gruppo musicale Borderò si sono esibiti in coreografie di danza classica, contemporanea e moderna. Sono anche stati eseguiti pezzi di flamenco, hip-hop. La serata è stata dedicata alla memoria di Lorenzo Malacarne e Sara Cicciotto vittime di omicidio stradale accaduto il 5 luglio 2016.

Il ricavato dello spettacolo sarà devoluto a favore della famiglia di Ginevra Ricci, una bambina di 11 anni nata con artrogriposi (ingrippamento delle articolazioni e si origina durante i nove mesi di gravidanza,per immobilità del feto, creando rigidità negli arti). Con l’aiuto del Rotary Club di Cascina e di tutti i partecipanti alla serata, faremo in modo che i nostri passi di danza possano aiutare la piccola.

La serata ha un duplice messaggio sensibilizzare i ragazzi alla sicurezza stradale e rivolgere un messaggio a tutti i genitori insegnate ai vostri figli, che la diversità nei confronti di bambini con problemi non e’ motivo di emarginazione, ma di amore.

(Venerdì 7 Luglio 2017)

Torna indietro