Titolo

Dimensioni font: A- A+

Home > Documentazione > Notiziario Distrettuale > Dai nostri Club > Firenze, torna il Premio Columbus: tra i premiati il regista Franco Zeffirelli

Scarica l'articolo in PDF

Firenze, torna il Premio Columbus: tra i premiati il regista Franco Zeffirelli

La consegna il 12 ottobre alle 17 al Palagio di Parte Guelfa

FIRENZE - Andranno a Franco Zeffirelli, per l’arte; al Consolato Generale degli Stati Uniti a Firenze, per la cultura; a Paolo Nespoli, per la scienza; a Valentino Mercati, per l’impresa, i Premi Columbus XXXVII edizione, promossi da Rotary Club Firenze Est e Comune di Firenze.

La consegna il 12 ottobre alle 17 al Palagio di Parte Guelfa per concludersi con la festa in onore dei premiati alla Fondazione Zeffirelli nella vicina Piazza San Firenze.

È uno degli appuntamenti tradizionali dell’autunno fiorentino, che riconosce personalità che hanno operato per la mutua comprensione tra le due sponde dell’Atlantico nel segno del navigatore genovese, guardando cioè oltre i propri confini.

La Commissione presieduta dal professor Rodolfo Cigliana, ha prescelto il regista fiorentino Franco Zeffirelli, tra i più celebrati del cinema e del teatro italiani e che nella sua città ha voluto istituire una fondazione che ne proseguisse l’opera; il Consolato americano, forse la più antica presenza diplomatica statunitense in Europa; Valentino Mercati, appassionato imprenditore agricolo toscano con vocazione internazionale; Paolo Nespoli, astronauta che di recente è stato per la seconda volta nello spazio. Ed è una seconda volta anche per il Columbus, giacché 25 anni fa il Premio 1993 andò al suo collega Franco Malerba nel segno dell’esplorazione colombiana, al di là del mare ma anche nei cieli e ovunque ci sia il desiderio di apprendere.

Unire importanti studiosi a personalità del mondo dell’impresa, della comunicazione o dell’arte è una specialità del Premio Columbus, iniziato nel dopoguerra dal Comune di Firenze e continuato dal Rotary Club Firenze Est come manifestazione aperta a tutta la città. Quando nel 1982 l’allora presidente del Rotary Club Firenze Est, Enzo Ferroni, già rettore dell’Università di Firenze, propose di riprendere la manifestazione ne spiegò le motivazioni nella storia stessa di Firenze, culla del Rinascimento e patria di Paolo Toscanelli, Giovanni da Verrazzano, Amerigo Vespucci e Giovanni da Empoli.

Una città che doveva continuare ad ospitare un’iniziativa così consona alla sua vocazione e alla sua storia. La formula della cerimonia che ricorre annualmente il giorno 12 ottobre, anniversario della scoperta del nuovo continente, si ispira alla prima edizione.

In Palazzo Vecchio (quest’anno al Palagio di Parte Guelfa) alla presenza del sindaco, delle autorità, della Commissione e del pubblico, avviene la lettura delle motivazioni dei premi e viene pronunciata l’orazione commemorativa su un tema riguardante i legami tra Europa e America con particolare riferimento all’Italia e a Firenze.

Quest’anno la Commemorazione Colombiana sarà tenuta dal Prof. Carlo Sisi sul tema “Americani a Firenze fra Ottocento e Novecento”, argomento che dai personaggi ancora rari del bel mondo e del Risorgimento spazia fino agli studenti e ai turisti di oggi, alcuni dei quali rimangono toccati dalla città per sempre.

Un annullo filatelico sarà disponibile, su disegno del maestro Penko, utilizzabile nell’apposito sportello postale insediato al Palagio di Parte Guelfa. “È intenzione del Rotary Club Firenze Est – ha commentato il presidente Fabrizio Fantini – vivere con i premiati una manifestazione cittadina di autentica vicinanza tra le sponde dell’Atlantico. Insieme a loro riscopriremo nei giorni del Columbus la gioia dell’incontro e la capacità di guardare alla storia con occhi nuovi, nel segno del grande navigatore che fece dell’intuito la forza per superare i rischi della navigazione verso l’ignoto”.

(Venerdì 5 Ottobre 2018)

Torna indietro