Titolo

Dimensioni font: A- A+

Home > Documentazione > Notiziario Distrettuale > Notizie dal distretto > Torna a Pisa il Premio Galilei: appuntamento il 6 ottobre

Scarica l'articolo in PDF

Torna a Pisa il Premio Galilei: appuntamento il 6 ottobre

I premiati sono lo storico del pensiero italiano Janos Kelemen e lo scienziato Pierpaolo Faggi

PISA - Torna a Pisa il tradizionale appuntamento con il Premio Internazionale Galileo Galilei, l’evento culturale del Distretto 2071 e di tutto il Rotary italiano.

Il Premio, che consisteva in origine in una statuetta di Emilio Greco, oggi sostituita da una targa d’oro, vuol riconoscere la valorizzazione della cultura italiana all’estero quale risulta dall’opera di italianisti stranieri che fanno conoscere al mondo, con lavori fondamentali, la nostra lingua e la nostra civiltà.

L’evento, al quale sono invitati a partecipare tutti i soci rotariani, è fissato per sabato 6 ottobre: ad attenderli una lunga giornata che si concluderà con la tradizionale cena di gala nel chiostro della chiesa di Santa Maria del Carmine.

I premiati

Protagonisti dell'edizione 2018 del Premio, lo storico del pensiero italiano Janos Kelemen (nella foto in Home) e lo scienziato Pierpaolo Faggi (nella foto a sinistra). Il primo è professore emerito all'Università ELTE di Budapest, dove ha insegnato filosofia generale. Le sue ricerche si incentrano prevalentemente sulla filosofia del linguaggio e la storia della filosofia e della letteratura italiana, con particolare riguardo a Dante e al pensiero italiano nel Novecento. A lui la giuria, nominata dal Rettore dell'Università di Pisa Paolo Maria Mancarella, ha assegnato il Premio Galilei.

Il Premio Internazionale Galileo Galilei dei Rotary Club Italiani per la Scienza, giunto alla sua 13° Edizione e dedicato quest'anno alle Scienze Geografiche, è stato invece assegnato all'unanimità all'illustre studioso Pierpaolo Faggi, docente di Geografia umana all’Università di Padova e in altri Atenei italiani e stranieri. I suoi interessi di ricerca riguardano i processi territoriali della cosiddetta «diagonale arida», dal Senegal all’Asia Centrale attraverso il Vicino e Medio Oriente.

Dal 2011, sulla base di un'idea apprezzata ed appoggiata dagli altri Distretti italiani, il Premio si è arricchito ed esteso ai giovani ricercatori. Ogni Distretto, infatti, tramite i suoi Atenei di riferimento, individua due giovani ricercatori, rispettivamente in materie umanistiche e scientifiche, che riceveranno ciascuno un premio di 2.000 euro, mille dal Distretto di appartenenza e mille dalla Fondazione e che avranno una menzione in occasione del Premio Galilei a Pisa ed una cerimonia di premiazione in occasione di un evento specifico presso il loro Distretto.

Il programma

Si parte alle ore 9.30, con una visita guidata al Camposanto Monumentale, per poi passare in Comune a Pisa per i saluti del sindaco Michele Conti. La giornata entrerà nel vivo alle ore 16 nell'Aula Magna dell'Università di Pisa, dove si svolgerà la cerimonia di premiazione alla presenza del rettore dell'Università di Pisa Paolo Maria Mancarella, del presidente della Fondazione Premio Galilei Marco Mancini e del Governatore del Distretto 2090 Gabrio Filonzi.

Si chiude in bellezza con la serata di gala nel chiostro della Chiesa di Santa Maria del Carmine in onore dei premiti. Qui ci saranno i saluti del presidente del R.C. Pisa Tommaso Strambi, l'intervento del Governatore del Distretto 2071 Giampaolo Ladu e la consegna del Premio Nicoletta Quinto e del Premio Maria Cianci a due giovani studiosi stranieri.

La segreteria del Premeio Internazionale Galilei è a disposizione di tutti i rotariani che vorranno partecipare. Per farlo è indispensabile comunicare al più presto il numero ed il nome dei partecipanti e se essi intendono trattenersi a Pisa una o più notti. Per tutto ciò, è possibile contattare i seguenti recapiti:

Francesca Fiorentini

via della Faggiola, 18 – 56126 Pisa

Tel. +39 346 7202625 Fax. +39 050 996811

e-mail: f.fiorentini@eventiinfiore.it

(Lunedì 1 Ottobre 2018)

Torna indietro